Villa Cantù: la gioia del Natale per i nostri anziani

Gioia negli occhi, gioia nel cuore!

E’ questa la  sensazione che lunedì 18 dicembre si percepiva osservando i numerosi ospiti di Villa Cantù che hanno preso parte alla Santa Messa officiata da don Giuliano e da don Giulio nel salone delle feste della nostra casa di riposo.

Sì erano davvero in tanti, ciascuno con le proprie peculiarità, ciascuno con la propria disabilità, ma tutti attenti e partecipi alla calorosa funzione animata dalla presenza del coro parrocchiale che ha accompagnato la celebrazione eucaristica con canti classici e canti natalizi.

Particolarmente apprezzabile l’omelia di don Giuliano che, rievocando le parole di un vecchio sacerdote a lui caro, si è rivolto agli ospiti argomentando sulla difficile condizione del divenire anziano e dell’arte che sottostà al saper invecchiare con consapevolezza e accettazione.

Di qui la domanda: quale gioia provate nell’attesa del Natale? A seguire la risposta colta dalle letture del giorno che hanno ricordato a tutti i presenti che la nostra vita sarà giudicata sul bene fatto e sull’amore donato e che pertanto il Natale ha sempre e per ciascuno di noi un senso solo se vissuto come attesa di un evento speciale e come rinascita spirituale.

Al termine della celebrazione il coro ha intonato il celebre canto “Tu scendi dalle stelle “ che ha coinvolto ed emozionato tutti quanti. A seguire si sono rivolti gli auguri con i canti “ Auguri di buon Natale “ e “ Din don dan “. Alcuni coristi hanno anche” portato luce “ indossando il simpatico berretto di Babbo Natale.

Insomma una festa voluta e ben riuscita e soprattutto un dono per chi giorno dopo giorno vive nell’attesa di un gesto, di un sorriso, di un aiuto che renda più lieta la giornata.

Ovviamente nulla si può fare senza la disponibilità delle persone. E allora un grande grazie va al personale della casa di riposo che ha preparato gli ospiti, ai volontari che si sono prodigati per l’accompagnamento nel salone, ai coristi e al loro buon umore ed in particolare ai sacerdoti che col la Parola di Dio hanno illuminato i cuori di tutti i presenti.

Ovviamente in ultimo, ma non ultimi, un grande grazie ai nostri anziani.

Impariamo a vivere con assoluto rispetto la loro condizione perchè un giorno, non lontano, sarà la nostra.

A tutti Buone Feste.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi