Una voce che scomoda

La mia voce pare lontana perché telefono dal cielo.

Alda Merini

In quel tempo, Gesù [cominciò a dire nella sinagoga a Nàzaret:] «In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. Anzi, in verità io vi dico: c’erano molte vedove in Israele al tempo di Elìa, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; ma a nessuna di esse fu mandato Elìa, se non a una vedova a Sarèpta di Sidóne. C’erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Elisèo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro».

All’udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino.

Lc 4,24-30

Vicino al Signore, con le sue parole e i suoi gesti, il profeta richiama l’attenzione dei suoi contemporanei su ciò che disattende o tradisce il messaggio di amore e misericordia di Dio, su ciò che contraddice la giustizia e la fraternità nelle relazioni. Non predice il futuro, ma invita, sollecita richiama i destinatari del suo messaggio alla fedeltà alla promessa di vita ricevuta da Dio per il presente.

Riconoscere e accogliere questo invito non è sempre semplice, soprattutto quando si è in una apparente situazione di tranquillità, senza scossoni o ostacoli all’orizzonte. La parola del profeta, che ci scuote dal torpore, mette in questione quanto si vive e questo può suscitare timore. Il rischio allora è di non aderire all’invito alla conversione, ancor di più se questo invito ci raggiunge in un modo non spettacolare, come nel caso delle parole che ci sono rivolte da una persona che conosciamo da tanto.

Gesù mette in guardia i suoi concittadini – e con loro anche noi – proprio su questo punto: nell’incontro col Signore è importante non dare nulla per scontato.

  • In che circostanza posso dire di aver avuto uno sguardo attento su ciò che ho vissuto?
  • Quand’è stata l’ultima volta che mi sono sentito invitato alla vita dal Signore?
  • In cosa riconosco la voce del Signore, nella mia quotidianità?

Giuseppe Riggio SJ

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi