Inappetenza alla vita

Alla inappetenza diffusa dei valori – che realmente possono liberare e pienificare l’uomo – corrispondono appetiti crescenti di cose – che sempre più lo materializzano e lo cosificano e lo rendono schiavo.
Giuseppe Dossetti, “Sentinella, quanto resta della notte?” – commemorando Giuseppe Lazzati, 18/5/94

[Lc 7,31-35]
In quel tempo, il Signore disse: «A chi posso paragonare la gente di questa generazione? A chi è simile? È simile a bambini che, seduti in piazza, gridano gli uni agli altri così: “Vi abbiamo suonato il flauto e non avete ballato, abbiamo cantato un lamento e non avete pianto!”. È venuto infatti Giovanni il Battista, che non mangia pane e non beve vino, e voi dite: “È indemoniato”. È venuto il Figlio dell’uomo, che mangia e beve, e voi dite: “Ecco un mangione e un beone, un amico di pubblicani e di peccatori!”. Ma la Sapienza è stata riconosciuta giusta da tutti i suoi figli».

Siamo soliti sentirci in attesa dell’intervento di Dio: “quando verrà, metterà tutto a posto…” Ma avete mai pensato che forse i termini sono da rovesciare e che sia Dio a passare la maggior parte del suo tempo ad aspettare che ci accorgiamo di lui? Infaticabile il Signore ci chiama, ora con la voce soave dell’innamorato che vuole donarsi e ora con la voce terribilmente forte della sentinella che vuole svegliare chi dorme, mentre un mortale nemico si avvicina.

Questo nostro sonno, questa nostra sordità naturale, a parer di molti, sono oggi rafforzati dal mare di stimoli che ci avvolge: una bulimia di piaceri superficiali pronti al consumo, che produce alla fine una inappetenza alla vita, che porta con sé tra l’altro una insensibilità di fronte alla violazione della dignità dei più deboli.

Ci può forse aiutare a destarci da questo sonno il ritornello di una vecchia canzone di chiesa: “Dio non ha mani, se non le nostre mani”. Badate, lo slogan è efficace ma può forse confonderci. Sarebbe più giusto dire che Dio ha mani e cuore più veri dei nostri, ma vuole che le nostre mani e il nostro cuore entrino nei suoi, diventando presenza visibile del suo operare invisibile. Vita in pienezza, dono dello Spirito, compimento della creazione.

  • Ho mai sperimentato in me o negli altri la noia generata dalla bulimia di stimoli commerciali e digitali?
  • Quale gesto difficile e coraggioso il Signore oggi mi chiede di fare per vincere la mia pigrizia?
  • Attraverso quale esperienza di vita fondamentale il Signore oggi vuole donarmi gioia?

Buona danza!

Marco Colò SJ

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi