Piena presenza

I tuoi amici t’invitano a pranzo: arriva tardi, se vuoi.
Essi ti chiamano perché tu li consoli: affrettati!
Chilone

[Lc 11,37-41] Mentre stava parlando, un fariseo lo invitò a pranzo. Egli andò e si mise a tavola. Il fariseo vide e si meravigliò che non avesse fatto le abluzioni prima del pranzo. Allora il Signore gli disse: “Voi farisei pulite l’esterno del bicchiere e del piatto, ma il vostro interno è pieno di avidità e di cattiveria. Stolti! Colui che ha fatto l’esterno non ha forse fatto anche l’interno? Date piuttosto in elemosina quello che c’è dentro, ed ecco, per voi tutto sarà puro”.

Una delle esperienze più belle che facciamo nella nostra vita di relazione è quella di invitare qualcuno o di essere invitati a pranzo o a cena. L’invitato che accetta l’invito entra a vario titolo e secondo differenti gradi di profondità nella vita del suo ospite.

Oggi, nel Vangelo, non viene notata e apprezzata una presenza, quella di Gesù, ma viene sottolineata un’assenza, una mancanza: il fariseo “vide e si meravigliò” che Gesù non avesse fatto le abluzioni rituali.

Perché, spesso, nella vita è più facile notare l’assenza di qualcosa piuttosto che una presenza preziosa? La presenza avrebbe la forza di riempire la nostra vita, il nostro tempo, il nostro orizzonte eppure noi ci fissiamo sull’assenza che, invece, ci toglie energia: perché facciamo così? È un nostro difetto di fabbrica?

Lo stesso vale per l’interno e l’esterno del piatto e della persona umana: nella società che tanto valorizza l’esteriorità che “sveste” tutto, Gesù ci riporta al calore e al valore della nostra interiorità (che non è intimismo o individualismo): chi siamo? Siamo la profondità di noi stessi e non (solo) ciò che si vede di noi e che noi vogliamo far vedere.

Come l’interno del piatto, cioè il cibo che vi è contenuto, diventa puro quando è condiviso (dato in elemosina), così la nostra interiorità si purifica quando diviene “dono per…”. La persona che siamo e la personalità con cui ci relazioniamo col mondo hanno bisogno di non rimanere chiuse in sé stesse, di “prendere aria” altrimenti perdono di purezza.

  • In che luogo della tua vita, oggi, una presenza ti riempie?
  • Quali abitudini ti impediscono di offrirti del tutto?
  • Cosa vorresti che il Signore purificasse dall’interno?

Andrea Piccolo SJ

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi